L'artista tra passato e futuro: l'artigiano - Ciaialab

L'ARTISTA TRA PRESENTE E FUTURO: L'ARTIGIANO

Chi lavora con le sue mani è un lavoratore.

Chi lavora con le sue mani e la sua testa è un artigiano.

Chi lavora con le sue mani e la sua testa ed il suo cuore è un artista.

San Francesco d’Assisi

Negli ultimi anni si sta verificando una rapida ripresa dei prodotti artigianali, che fa degli artigiani i veri protagonisti del mercato.

Per artigianalità si intende la particolare manifattura e/o produzione di tutto ciò che non è stato prodotto industrialmente e che è stato invece realizzato con lavoro prevalentemente, se non esclusivamente manuale, da parte di artigiani.

Un passo indietro: ma quando nasce l’artigianato?

Bisogna tornare indietro, alla Grecia del V-IV secolo A.C., quando il significato di artigianalità era racchiuso nella parola, technè, che comprendeva sia artigianato che arte. Il significato più antico di artigianalità allude quindi ad una vera e propria forma di arte.

 

Lo sviluppo dell’attività artigianale si sviluppa nel tempo con la nascita delle città e del commercio, arrivando fino ai giorni nostri e considerando l’artigianalità quasi sinonimo di design.

Chi è l’artigiano oggi?

Il mercato è alla ricerca di prodotti unici e irripetibili. Stanchi di oggetti tutti uguali, si ricerca l’unicità, che spesso solo le imperfezioni sanno regalare.

 

Per questa ragione, l’artigiano, oggi, è colui che, sviluppa prodotti sulla base di tecniche antiche, maestro di manualità e creatività. I nuovi artigiani, riciclano e riqualificano vecchi oggetti d’artigianato e ne creano di nuovi, unendo il sapere antico, tramandato da padre in figlio, al sapere moderno, ai materiali innovativi e alla tecnologia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *